Come Paolo Conte.

Che quando lui canta “Ci bum ci bum bum” io rimango lì e penso che vorrei saperlo fare allo stesso modo, al piano, guardando la donna a cui è dedicata la canzone, con il suo accappatoio azzurro, mentre fuori c’è un mondo buio e freddo. Che quel “Ci bum ci bum bum” non è mica facile, ci vuole tutto un mondo, dietro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Melodia del suono e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Come Paolo Conte.

  1. Pea ha detto:

    quanto hai ragione, ci bum ci bum bum

  2. thecapricorntm ha detto:

    “Via, via/ entra e fattio un bagno caldo/ c’è un accappatoio azzurro/ fuori piove e è un mondo freddo”

    Ecco. Io credo che dopo questo possiamo smettere di cercare il significato dell’amore e scriverci canzoni sopra. Tutto quello che doveva essere detto sta in questa piccola, meravigliosa strofa.

    Grazie Paolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...