“Che fine hai fatto?”

Mi è arrivata ‘sta domanda, all’improvviso, da una persona che segue il blog e che non conosco personalmente. Sono rimasto lì a guardare il messaggio, poi mi sono guardato in giro, poi ho riguardato intorno a me e poi ho scrollato le spalle.
Sono dove sono sempre, in quella terra di mezzo creata dalla vita di tutti i giorni, i problemi che ho e quelli che mi causo da solo e tutta una serie di pensieri che non mi lasciano mai.
Creativamente parlando è un periodo disastroso, dove sono fermo al palo, incastrato in un progetto che potenzialmente potrebbe essere molto bello o una ciofeca e ora come ora temo più la seconda opzione, ma è anche vero che se non mi decido a finire la mia parte non potrò mai sapere come va a finire. Inoltre, finché non finisco questo lavoro, non posso dedicarmi al nuovo libro e insomma è tutto un po’ un casino.
Ah e ho finito il Laphroaig.
Per il resto ci sono nuovi random trivia e la recensione dell’ultimo film dei Tre moschettieri e pensieri e idee e cose, ma è tutto qui in mio sedere, come dicevano nella barzelletta, e fatica a uscire.
Quindi sono sempre qui, non me ne sono mai andato, ma sono ancora un po’ nel bozzolo, in attesa che la primavera arrivi e mi tiri fuori. Ché ho voglia che lo faccia, ho voglia di sole e di camminare per le strade ascoltando musica. Solo che manca qualcosa e quindi aspetto, pazientemente, risparmiando energie, cercando di capire.
Che poi, comunque, non manco di lasciare traccia del mio passaggio, nonostante tutto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Tutti i giorni. Contrassegna il permalink.

4 risposte a “Che fine hai fatto?”

  1. Arcadia1983 ha detto:

    Non è per farmi gli affari tuoi, ma cosa è il Laphroaig?

    comunque, tieni botta 😀

  2. Tie Pilot ha detto:

    Suggerimenti per Zen dopo due anni di club del whisky:
    Scotch per ordinaria amministrazione: http://csimg.pagineprezzi.it/srv/IT/000008351879/T/340×340/C/FFFFFF/url/islay-single-malt-whisky-12.jpg

    Punte di eccellenza (occhio ai prezzi):
    Lagavulin distiller’s edition
    Talisker 57° North (stai alla larga da storm e dark storm)
    Amrut Fusion (whisky indiano pregevolissimo)
    Nikka (tutta la famiglia, ma consiglio: yoichi 10 e coffey single malt)
    Bruichladdich 12
    Arran (bottiglia con il vecchio che falcia il grano, non ricordo il nome della finitura)
    Glengoyne 10
    KILCHOMAN (cherry cask da perdere la testa, machir bay e 2006 ottimi)
    Eagle Rare (bourbon pregevolissimo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...