She said you don’t understand what I said

Ché io sento moltissimo la scrittura anche quando non scrivo io. Ché io, quando conosco chi scrive, poi, leggo e ce la vedo la persona che ha scritto. Vedo le espressioni, sento la sua voce che legge quello che c’è sulla pagina o sullo schermo. Riconosco l’intonazione e cosa c’è dietro ogni parola. E quando qualcuno che conosco scrive bene, è come averlo accanto. E mi si prende con poco, in quei casi. Specialmente quando quello che scrive è sentito e personale.
Mi viene solo voglia di abbracciare la persona e dirle che andrà tutto bene, che è molto bello quello che ha scritto, che non è così, che c’è un mondo brutto, fuori, ma che le cose miglioreranno.
Ma gli schermi non sono abbracciabili e le parole, spesso, rimangono lì dove sono perché non hanno chi le ascolta. E quindi leggo.
E mi si prende con poco, a me, quando si scrive bene.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Scazzo, Tutti i giorni. Contrassegna il permalink.

3 risposte a She said you don’t understand what I said

  1. Antonellina ha detto:

    E poi succede che ci sono vie parallele che a volte smettono di essere parallele e si incontrano e no, non lo sai come è successo, non lo sai quale incrocio di vite e canali ti ha portato in quel posto intimo di uno incontrato per sbaglio quattro o cinque volte in tutto, che ci hai pure mangiato insieme e quei bicchieri di gin ancora li ricordi, eccome se li ricordi, non lo sai come succede e alla fine non ti importa nemmeno poi tanto, però sai che succede. Succede che capiti sul blog del tizio di cui sopra e cominci a leggere e leggi leggi e arriva il capo che ti scopre a leggere e manco te ne accorgi e lì “ah no si, stavo vedendo delle cose”, lui ride, lo sa che stavi cazzeggiando ma il capo, che proprio stupido non è, ha visto che eri presa dalla lettura e se eri presa dalla lettura vuol dire che c’è del buono in quello che stai leggendo, e se poi hai finito di fare tutto ciò che dovevi finire di fare entro la settimana allora fai pure quel che cazzo vuoi, pensa il capo.
    E allora continui a leggere e capiti su un “she said you don’t…” e ti fermi ancora più attenta, ancora più interessata. Leggi, rileggi e pensi che l’incontro di un venerdì pomeriggio di metà luglio non può essere casuale, che lassù ci sono scritte cose che parlano di te e di quello che quotidianamente fai, leggere. E che è vero, anche lei a volte riconosce l’intonazione e cosa c’è dietro ogni parola di chi dall’altra parte dello schermo esiste realmente. E ne gode, ne gode moltissimo.
    Sai, è la bellezza di questi incroci e di ciò che di questi incroci poi finiamo per raccontare o per leggere che rende fottutamente meravigliosa questa vita, anche quando per un bel po’ è stata una vita del cazzo.

    E quindi, ciao Fabrizio 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...