These clothes don’t fit us right (I’m to blame, it’s all the same it’s all the same)

È una corsa.
Contro il tempo. Contro me stesso. Ogni giorno sono domande. Sempre le stesse. Magari cambia il punto di vista, ma sono sempre le stesse.
Sono giorni di biglietti e hotel.
Prenoto. Non prenoto. Vado. A fare cosa. Mi divertirò? Sì. Starò bene? Forse. Vorrei portarti? Certo. Oggi. Ora. Subito.
Sono sempre io, anche se qualcosa è cambiato.
“Sei strano – mi ha detto un’amica. – Sei sempre tu, ma lì dentro c’è tipo la guerra dei mondi”.
Sono sempre io e lo so che non basta. Non può bastare. Ma c’è molto altro e c’è da scavare e da sporcarsi le mani e da infuriarsi, mentre si fa, perché si dovrebbe pattinare su soffici tappeti persiani, non tagliarsi i piedi sulle rocce e le pietre. E non ho la presunzione di dire che però, alla fine del viaggio, c’è la pentola d’oro. Ma posso promettere che ci sono cose buone. Anche. Tante. E che basta allungare le mani e prenderle e colpire forte, quando non arrivano. E avere tanta pazienza. Troppa. E avere tanta fiducia. Troppa.
Ché il salto di fede lo fanno in pochi e non gliene si può fare una colpa.
Ma nelle macerie che ci sono qui intorno qualche sprazzo di grandezza c’è ancora. Potrà essere come prima? No. Potrà essere meglio? Chissà. Potrà essere diverso? Sicuramente. E sicuramente potrebbe essere persino (molto?) bello.
E ci sono scuse che ho fatto e che vorrei fare ancora e non credo ci sia più modo. Però scusa.
Ché è tardi e ho cucinato e ho due gatti da sfamare e 109 partenze da affrontare e clienti a cui sorridere, mentre penso a Londra e al posto vuoto in aereo, accanto a me.
Ché è tanto e tutto insieme, ma poi, se guardi bene, è solo un bluff. È pochissimo e in quel pochissimo, giuro, ci si potrebbe sedere, bere qualcosa e guardare un film e scoprire che si sorride anche così. Ma quel pochissimo, e questa è la dura verità, non sempre basta. Specie quando non sei in grado di offrirlo per bene.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Scazzo. Contrassegna il permalink.

Una risposta a These clothes don’t fit us right (I’m to blame, it’s all the same it’s all the same)

  1. Sara ha detto:

    La mia mamma diceva sempre 20 se vai 20 se non vai.Vero. Non cambia niente.Sei sempre tu.

    E la pentola è vuota le monete le trovi per strada.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...