It’s cold he said as he climbed out of bed, will this winter ever go…

Da piccolo, a Nuoro, una volta l’anno c’era una giostra itinerante.
I miei genitori ci portavano me e mio fratello. Andavo nel tunnel dell’orrore e sparavo con il fucile al tiro al bersaglio.
Ma non potevo andare sull’ottovolante. Alcuni dei pilastri erano – giuro – poggiati su dei blocchetti e mia madre aveva paura che la struttura potesse cadere (da quello che so, non è mai caduta).

Ora che ho molti più anni, se vado in qualche parco dei divertimenti, è raro che vada sugli ottovolanti, perché non mi divertono poi così tanto, a dirla tutta.

Per contro, come succede spesso ultimamente, la vita, a volte, ti fa andare su un ottovolante, che tu sia pronto o meno, d’accordo o meno.
E quindi, sei lì seduto sulla tua poltrona e, improvvisamente, vedi una foto e stai cadendo giù, senza preavviso e senza sbarra di sicurezza davanti a te.

(quasi un mese e ancora ti cerco, in giro per casa)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Scazzo. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.