Quella cosa lì della gentilezza… /2

Oggi sono andato a fare la spesa e, mentre tornavo, ho visto che il mio ristorante italiano preferito aveva la serranda alzata.
Solitamente, quando sono all’estero, non vado nei ristoranti italiani, perché non mi interessa farlo. Ma questo è piccolo, si mangia bene, i camerieri sono gentilissimi e i prezzi sono onesti. Quando mi manca casa, a volte, mi rifugio lì.

Mi sono affacciato alla finestra e cuoco e cameriera erano seduti al tavolino e, quando mi hanno visto, mi hanno salutato.
“Aprite?”, ho chiesto.
“Sì – ha detto lei, – all’una apriamo.”
“Ma fate cucina d’asporto?”
“Puoi mangiare qui oppure sì, possiamo preparare da asporto.”
Le ho sorriso e le ho detto “Che bello. Sono contento.”
Lei, allora, ha sorriso da un orecchio all’altro e ha battuto le mani, felice.
È stato un po’ come tornare a casa. È stato un momento molto bello.

Questa voce è stata pubblicata in Tutti i giorni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.