Archivio dell'autore: therealzen

I been standing here waiting, Mister Postman, so patiently…

C’è questa cosa che ho sempre fatto e che, ogni tanto, continuo a fare. Mi siedo e scrivo una lettera. A volte per me. A volte per qualcuno che conosco, a cui poi non la spedisco e che lascio lì … Continua a leggere

Pubblicato in On writing | Lascia un commento

It’s cold he said as he climbed out of bed, will this winter ever go…

Da piccolo, a Nuoro, una volta l’anno c’era una giostra itinerante.I miei genitori ci portavano me e mio fratello. Andavo nel tunnel dell’orrore e sparavo con il fucile al tiro al bersaglio.Ma non potevo andare sull’ottovolante. Alcuni dei pilastri erano … Continua a leggere

Pubblicato in Scazzo | Lascia un commento

Quel meme di Will Ferrel in Anchorman

Stavo scrivendo una roba a un’amica e, verso la fine, ho scritto, per indicare la reiterazione di una mia azione, “(ad lib.)”.Dopo averlo fatto, mi sono ricordato da dove mi veniva, ‘sta cosa. Quando ero molto giovine, un’amica di famiglia … Continua a leggere

Pubblicato in Melodia del suono | Contrassegnato | 2 commenti

2019 finora /4

Portami a casa (di cui vedete la quarta di copertina che replica la locandina perché Google, Dio solo sa perché, non mi trova la locandina) è quel genere di film nel quale mi imbatto, che penso “mi interessa” e poi … Continua a leggere

Pubblicato in Cinemino, Melodia del suono, On writing | Contrassegnato , , , , , | 3 commenti

Lo scrivevano sui muri…

Quando il Livorno retrocesse in serie B, nei bagni di Giurisprudenza, a Pisa, c’era scritto “O Livornese, o che farai ora la domenica?”. Qualcuno, sotto, in risposta, scrisse “Si tromberá ir tegame di tu ma’”. (si ride per non piangere) … Continua a leggere

Pubblicato in Scazzo | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

La mancanza ha la forma di spazi vuoti.Ha l’aspetto di figure che ti sembra di vedere, con la coda dell’occhio, e ti giri e non c’è nessuno. Gli spazi vuoti si riempiranno.Ma, con la coda dell’occhio, continuerai a vedere cose … Continua a leggere

Pubblicato in Tutti i giorni | Lascia un commento

One more time, for a simple twist of fate…

Bob Dylan sembra piccolo e fragile.Arriva sul palco, non dice nulla, non saluta, va al piano e comincia a suonare, accompagnato dalla sua band.Il pubblico fa una standing ovation. Perché è un premio Nobel. Perché è una leggenda. Perché è … Continua a leggere

Pubblicato in Melodia del suono | Contrassegnato , | Lascia un commento